I miei libri

Amore o guerra? La coppia in crisi

Settembre 2013  

Poco di antico ma moltissimo di moderno. In questo saggio si fa il punto su quale sia la portata dello sconvolgimento dei ruoli di genere e di come ciò, in quanto rovescio della medaglia della conquista sociale femminile, sia corresponsabile dei cattivi rapporti che intercorrono tra conviventi.

La donna ha conquistato credibilità nel mondo del lavoro e ha ottenuto una certa indipendenza economica ma è costretta a sdoppiarsi tra incombenze che si articolano sia fuori che dentro le mura domestiche. La collaborazione del maschio nei doveri casalinghi, di conseguenza, per quanto rappresenti quasi la norma, spesso viene vissuta dal maschio come una pretesa fuori luogo e la mancata quiescenza, tipica di un comportamento femminile sorpassato, viene considerata come una mera perdita di valori. Il dialogo, tra due generi che non sanno più quali sono i propri rispettivi diritti e doveri, stenta a realizzarsi su un piano di equità. La passione nel rapporto erotico, ora che anche le donne esplicitano le loro esigenze sessuali, spesso viene scambiata per amore e ciò può creare false aspettative. I conviventi, vittime dello stress che contraddistingue la società moderna, capita che riversino sul ménage familiare le loro individuali tensioni. Raramente la coppia cerca di evitare la separazione poiché l’agognata libertà sembra rappresentare l’unico mezzo per essere felici. Si ha la crescente impressione che i rapporti sessuali si vivano più felicemente fuori dal talamo coniugale piuttosto che sotto l’ala protettiva costituita dai veri sentimenti. Tuttavia se i generi si fronteggiano è ovvio che non possono amarsi. Le donne avrebbero forse fatto meglio ad usare esclusivamente valenze femminili per emanciparsi dalla sottomissione nella quale sono sempre state tenute? Avrebbero forse dovuto costruire una società di loro esclusiva appartenenza?

Sconfinare negli spazi appartenuti al maschio, sin dai primordi, è stato comodo ma certamente non naturale. Ricalcare modelli maschili, assolutamente altri rispetto a quelli femminili, significa forse aver fatalmente accettato la posizione di secondo per un sesso che da sempre è stato qualificato come tale? Ha forse significato assoggettarsi alla logica della guerra e della sopraffazione? O forse ha significato adeguarsi alla perpetuazione di un potere di matrice maschile e maschilista? E’ probabile che il misogino mondo islamico, completamente chiuso a qualunque sollecitazione provenga dal sesso femminile, abbia costretto le donne di quel’etnia a cercare la loro verità istituzionale in luoghi e in modi legati esclusivamente al loro genere. I primi risultati di tale processo, riportati in questo studio, dimostrano che questa è una proposta da non sottovalutare.

 

____________________________________________________________________________________________________________

Santa o fatale? Adamo guarda Eva

Ottobre 2009

Con la rivoluzione sociale e culturale degli anni Sessanta e Settanta la donna è cambiata: non più solo madre e moglie ma persona attiva anche nel mondo del lavoro, non più solo santa ma anche fatale.
Come si conciliano queste due identità? E l'uomo la aiuta a mettere d'accordo le sue anime? Con l'esperienza di chi ha vissuto la trasformazione, Milena Milone parla delle donne moderne e della loro vita quotidiana spostando continuamente lo sguardo dal presente al passato per capirne la pesante eredità. Descrive così una donna quasi sempre schiacciata tra doveri contrastanti, racconta la conquista femminile dei diritti e le lacune attuali, le aspettative tradizionali e il senso di colpa di chi non riesce a soddisfarle, l'inadeguatezza delle istituzioni. E spiega che, se la maggior parte degli uomini non ha ancora accettato il cambiamento, non vuol dire che non possa farlo quando capirà che è l'unico modo per costruire con l'altra metà del cielo un rapporto fatto di amore e soddisfazione reciproca.  

Donne spezzate. La violenza tra le mura domestiche

Aprile 2009

Poiché la violenza sulle donne è un problema di tutti i popoli, poiché assume forme varie e terribili ed è nell'ambiente familiare che si esplica nel modo più atroce e traumatico, è indispensabile aprire la cortina di silenzio che colpevolmente la occulta e finalmente affrontare la questione a viso aperto. Partendo dalla propria esperienza di consulente matrimoniale, avvalendosi di innumerevoli esempi tratti dai casi che ha seguito e basandosi su studi decennali intorno alle problematiche femminili, Milena Milone spiega come si manifesta la violenza contro le donne, da quali assunti e condizionamenti culturali muove, quali sono le sue conseguenze e in che modo le donne stesse possono diventare complici del loro carnefice. È un tema difficile affrontato con sapiente delicatezza, forza e realismo, senza mai nascondere la verità né perdere la fiducia nella possibilità che gli uomini e le donne migliorino.

Coniugi. La coppia slegata e i matrimoni bianchi 

Luglio 2003

Per quale ragione la coppia moderna va spesso incontro alla disgregazione? Perchè l'aggressività tra i due generi aumenta a discapito di appaganti casalinghi rapporti sessuali? E ancora, perchè aumentano i single; per quale ragione molti evitano l'innamoramrnto; e poi, cosa sta succedendo nel mondo della prostituzione? A questi interrogativi l'autrice cerca di rispondere attraverso un'analisi dell'attualità e utilizzando le moderne scienze umanistiche quali la sociologia, l'antropologia culturale e la psicologia. Il linguaggio chiaro e di facile comprensione rende questo libro accessibile al pubblico più vasto.

Negli ultimi capitoli, inoltre, l'autrice affronta il sommerso argomento dei matrimoni bianchi. Il suo approccio a questa realtà, tanto dolorosa per chi la vive quanto incredibile per chi ne sente parlare, passa attraverso le ragioni consce e inconsce che determinano il problema. La descrizione del fenomeno è minuziosa e aiuta a comprendere e superare molti dei tabù sessuali di cui chiunque può essere vittima, anche se in modo parziale.

Vivere senza amare

Settembre 2008

Si parte da una domanda apparentemente semplice: che cos'è l'amore? E poi, soprattutto, se ne può fare a meno? Siamo in grado di amare davvero, di far star bene l'altro, oltre che noi stessi? È possibile non lasciarsi distrarre dal sesso, dal denaro, dall'ambizione? La risposta è in questo libro dedicato alle donne da Milena Milone, consulente di coppia, ed è proprio nell'amore, nel più intenso, totale e umano dei sentimenti.

___________________________________________________________________________________________________________

 

La libertà di essere omosessuali

 Settembre 2010

In questo lavoro Milena Milone cerca di dare un’interpretazione logica del perché gli omosessuali maschi siano ancora vessati e in certi luoghi de mondo vengano tuttora puniti, anche dalla legge perfino con la pena di morte, pur se il loro orientamento sessuale nulla ha a che spartire con il crimine.
Per contro l’autrice dà anche un’interpretazione della speculare assenza di informazioni sul lesbismo, della indifferenza che l’immaginario collettivo riserva alla sessualità delle donne.
L’analisi di tali incoerenze attraverso la storia umana dai primordi ai giorni nostri mettendo via via in evidenza il parallelismo tra il destino delle donne tutte, comprese le lesbiche, e gli omosessuali maschi.

________________________________________________________________________________________________________________________________